ROMANZOPOLI: Le cronache di Coccinella — Capitolo dodici


Previously on Ladybug Chronicles: Coccinella, ancora bambino, scopre, osservando il cugino Giovanni detto Camicia Unta, il mondo dei Personal Computer. Dopo essersi fatto una cultura videoludica, abbandona l’universo digitale per andare in cerca di sé stesso.

Nel momento più buio decide di riprendere in mano la propria vita partecipando ad un torneo di videogiochi con l’inedito Nintendo RL, la prima console basata su un’interfaccia neurale, dove una sconfitta significa la morte. Dopo aver battuto Arnoldo detto il Cyborg e FIFA 2018, Coccinella, raggiunta la finale, è a un passo dal gran premio: 10.000 monete d’oro.Nonostante le probabilità di sopravvivenza fossero aumentate, l’idea di dover affrontare ancora una volta l’infernale Nintendo RL in un titolo che non conosceva, con un’interfaccia tutta da imparare, non permetteva a Coccinella di prendere alla leggera quella situazione.

Proprio mentre il ragazzo raggiungeva uno stato di ansia incontrollabile, qualcosa di completamente inaspettato sembrò volgere completamente a suo favore.

Nell’altra semifinale, quella che avrebbe deciso il secondo finalista, la battaglia tra il Signor Bisonti e il redivivo Nebraska Joe mostrò l’epilogo più inaspettato che si potesse immaginare.

Con Chewbacca nella parte di Nebraska Joe

Il gioco in questione era Final Fantasy Arena, uno JRPG all’apparenza “loffio”, ripetitivo, ed esteticamente antidiluviano, ma dall’incredibile capacità di catturare l’attenzione dello spettatore nella speranza di veder scegliere dai giocatori la mossa giusta.

Dopo una serie di colpi più o meno efficaci, il Signor Bisonti, con ancora oltre il 40% della propria energia, lanciò un pericolosissimo 溶解液 a Nebraska Joe, definendo irrimediabilmente la sua morte entro due turni per danno da veleno.

Bill Cosby nel virile ruolo del Signor Bisonti

Per Nebraska Joe, privo ormai di qualsiasi modo per rigenerarsi, la dipartita era inevitabile, ma questo non gli impedì di sferrare l’ultimo, disperato, attacco all’egocentrico avversario.

Le parole dalla sua bocca uscirono ben scandite, lente ma decise. I più esperti riconobbero l’urlo del 連続剣, una mossa tanto potente, quanto rara e complessa. La combo, o meglio il colpo finale, era in grado di indebolire l’avversario proprio fino a quel 40% che rimaneva al Signor Bisonti.

Ignaro della potenza di quel colpo, l’uomo lasciò la presa dalla console e si afflosciò miseramente sul palco, tra lo stupore dei suoi tifosi e l’euforica gioia dei parenti di Nebraska Joe.

Gli esultanti cugini di Nebraka Joe

Mentre che gli occhi del Signor Bisonti cominciavano a sanguinare, qualcosa di impensabile accadde anche al peloso Nebraska Joe. Non ebbe nemmeno il tempo di esultare, che il gioco proseguì, e il fendente avvelenato ricevuto in precedenza gli diede il colpo di grazia. Nebraska Joe cadde a terra, come una pera cotta.

Con Christina Aguilera nella parte della pera cotta

I due sfidanti erano entrambi stesi ed esangui. Per Coccinella poteva significare solo una cosa: vittoria per forfait!

Alla visione del Game Over, il perfido Billy Mitchell non tentennò nemmeno un secondo, come se già sapesse che sarebbe finita in quel modo.

Senza esternare minimamente insicurezza, fece un giro su sé stesso, come in una diabolica danza, e, girandosi verso il palco, esordì: “Ebbene, i nostri due concorrenti non si sono dimostrati all’altezza della finalissima, ma questo non significa che questa sfida avrà un vincitore per assenza di avversari! Signore e signori, avete davanti il secondo finalista: io!”

La diabolica danza del perfido Billy Mitchell

L’auto proclamazione a finalista del perfido Billy Mitchell fu la cosa più scorretta, assurda e inaspettata che Coccinella potesse immaginare. Se prima si parlava di un 50% di possibilità, ora era chiaro, per il povero ragazzo, che non avrebbe avuto nessuna speranza contro un avversario colluso con i programmatori, scorretto e viscido, come il perfido Billy Mitchell.

Nella prossima puntata: La fine dei giochi.

This entry was posted in #varie, billy mitchell, lancil9, le cronache di coccinella, romanzopoli. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.