Plagio o citazione nei videogame?

Non c’è niente da fare: l’uomo ama le cose belle. Possiamo credere quello che vogliamo, ma sfido chiunque a dire che non ha mai comprato un libro o una rivista solo per la copertina, che non ha scelto una peripatetica (a parità di spessore intellettuale) in base alla bellezza o, in relazione a questo post, non abbia mai comprato un videogioco basandosi solo sulla grafica. Il mercato dei VG, però, difficilmente potrebbe vivere di solo valore tecnico e se ripensiamo ai tempi in cui i nostri calcolatori non potevano offrirci niente di spettacolare, ecco che scopriamo che uno dei sistemi da sempre più usati e funzionali è stato quello dello sfruttare messaggi subliminali.Guardando quest’immagine, per esempio, cosa vi viene in mente?

Se pensate di aver già visto qualcosa del genere pur non conoscendo il videogioco in questione, allora la vostra mente sta lavorando bene:
Negli anni ’80 infatti andava parecchio di moda appropriarsi di locandine di film di successo per creare un legame di appartenenza, una sorta di associazione di pensieri, che avrebbe portato il povero acquirente a indirizzarsi verso un titolo piuttosto che su un altro. Gli esempi sono molti, ma guardiamoci una bella carrellata di titoli classici.
Difficile dire chi dei due meritasse meno il successo avuto
Imbarazzante…
Dubbi?
Difficile non rimanerne affascinati
Ma non pensiate che tutto ciò sia finito col tempo o che qualcuno si sia preoccupato di non rischiare accuse di plagio… oggi la situazione, anche se meno sfacciata, non è affatto migliorata!
Citazione o casualità?
Non l’avevate notato? A Recensopoli non sfugge niente!
Sarà solo un richiamo, ma… che cazzo!
Pagare i diritti proprio no?
Oh, yeah!
‘sti giapponesi senza fantasia…

La cosa divertente è che, ora che i videogiochi hanno raggiunto una certa popolarità, sembra che la cosa si sia invertita:

È vero, manca la femmina
Videogioco ispirato ad un film che ispira la copertina di un film ispirato ad un altro videogioco.
Avrei avuto in mente almeno un paio di soluzioni più semplici…
Questa mi fa ridere 🙂

Domande? Non so voi, ma io trovo tutto ciò molto divertente.

BONUS MUSICALE:
Non ci si salva nemmeno con le colonne sonore. Ascoltatevi queste similitudini (tutt’altro che citazionistiche) e riflettete sul segreto del successo.

 

This entry was posted in gemelli dispersi, informatica, lancil9, musica, plagio, retrocinema, retrogame, similitudini, videogiochi. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.