In Time

Quando i cantanti famosi prestano la propria faccia alla fantascienza ne esce sempre qualcosa di interessante. Dopo i film con David Bowie e Will Smith, questa volta tocca a Justin Timberlake mostrarsi abile nella lettura dei copioni e, nonostante qualche scelta stilistica opinabile, è difficile parlare male dell’ultimo lavoro del regista di Gattaca.In un futuro non troppo lontano e piuttosto credibile, la razza umana vede come unico metodo di controllo delle nascite l’utilizzo di ore della propria vita come moneta di scambio. Così i più ricchi di ore saranno inevitabilmente i più virtuosi e destinati al lusso, mentre l’uomo medio, come il protagonista, sarà destinato a fare i conti con la possibilità di morire da un momento all’altro.

A livello artistico e scenico la genialità della trama non è stata sprecata, e ha trovato una realizzazione assolutamente all’altezza e carica di fascino. D’altro canto bisogna fare i conti con due/tre protagonisti sempre molto sopra le righe che non aiutano a immedesimarsi in loro, anche se dal primo all’ultimo minuto avranno comunque il nostro favore.

Non sarà il nuovo Blade Runner, ma sicuramente è un film che potrebbe lasciare il segno nell’universo sci-fi.

This entry was posted in andrew niccol, cinema, cinema, fantascienza, film 2011, in time, justin timberlake, lancil9, mini recensione, minirecensioni, scifi. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.