Ted

Cosa ci si può aspettare dal creatore de I Griffin? Un film con più flashback di Lost? Una citazione infinita ai classici del cinematografò? Dialoghi estremamente sboccacciati e volgari? Una pellicola adatta a tutti ma che solo pochi cultori di cinema potranno capire fino in fondo? Ebbene… Sì! A tutte le domande!Se non l’avessi saputo in anticipo, prima o poi avrei riconosciuto la mano di Seth MacFarlane. Era inevitabile. Per quanto l’opera sia più matura e meno assurda dei vari cartoni da cui in qualche modo deriva, la famosa ironia del regista rimane ed è palpabile.

“Palpabile” è la parola giusta

Il trionfo del citazionismo è evidente, con un’infinità di richiami a famosi blockbuster anni 80, ma anche con una trama che intelligentemente, senza inventare niente, coglie il meglio di quegli anni riproponendone lo stile nell’ironia, nella storia d’amore e nell’immaginario fantastico, catapultandoci in una specie di avventura (o se vogliamo, di fiaba) classica. Sull’esordio cinematografico del re dei cartoni moderni c’è veramente poco da recriminare, e cercargli dei difetti sarebbe una vera e propria perdita di tempo.

Il film non ha ambizioni e proprio per questo stupisce e a tratti esalta, sfruttando la classica firma di Seth MacFarlane del “faccio esattamente quello che ti aspetti che non venga fatto”.

Divertimento garantito.

This entry was posted in anni 80, cinema, cinema, family guy, film 2012, flashback, lancil9, minirecensioni, seth macfarlane. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.