RECE FILM: Eva

In questi giorni è uscita al cinema un po’ in sordina, con un trailer che oscilla tra A.I. e Io, robot, questa interessante pellicola. Se anche voi come un buon Neo, un buon Douglas Hall o un Fox Mulder qualsiasi siete alla ricerca della verità o, al contrario, sapete di essere qualcosa di diverso dagli altri ma non volete accettarlo, allora Eva è l’ennesima, ma sempre gradita, interpretazione moderna della Pistis Sophia.Eva viene dalla Spagna. Per come ci hanno abituato negli ultimi dieci anni, è impossibile non aspettarsi una produzione depressiva e demoralizzante… e infatti già dalla prima scena, con un bel flashforward, si fissano le basi per un finale drammatico. Nonostante questa partenza scontata il film si riprende subito e, senza tanti giri di parole e senza tanti spiegoni, ci proietta in un futuro non troppo lontano, dove la robotica è una scienza scolastica alla portata di tutti, ma dove in pochi (se non il reietto protagonista) si preoccupano dei sentimenti delle povere creature basate sul silicio.

Chi sarà mai l’androide nascosto nel film?

A far da apparente contorno al dilemma etico/morale troviamo una storia d’amore tormentata e piuttosto banale, ma che alla fine sarà la chiave di volta per chiudere il cerchio e dare un indegno finale ad una pellicola dall’incredibile potenziale sprecato.

Fondamentalmente, però, Eva è piacevole e, nonostante navighi in un mare di prevedibilità, fa di tutto per mostrarsi come un intelligente film d’autore, con gli effetti speciali nei punti giusti e le recitazioni di ottimo livello.

Peccato che sia solo l’ennesima pillola blu!

 

This entry was posted in cinema, cinema, cinema, film 2011, film spagnoli, lancil9, robot. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.