Poultrygeist: La notte dei polli viventi

Parlare di zombie non deve essere necessariamente sinonimo di horror. Ovviamente deve esserlo di splatter, ma non di horror. Ed ecco che allora ci vengono in aiuto gli amici della Troma con questo ennesimo imperdibile capolavoro. Per chi è in grado di apprezzare il cinema trash, quello vero, puro e dichiarato, questa pellicola sarà ancora meglio di Toxic Avenger 4!

Preparate una scorta di Chicken McNuggets con tanto ketchup, abbandonate i pregiudizi, fate girare il bongo e infine accendete la tv: sta per cominciare la lunga notte dei polli viventi.Le assurdità ci sono tutte: una sorta di McDonald con solo pollo viene costruito sopra un cimitero indiano e guarda caso i polli fritti, una volta ingeriti, cominciano a trasformare in polli zombie tutti i poveri clienti del locale.

Protagonista di questa splendida pellicola è il giovane Arbie, innamorato e poi disilluso da una ragazza apparentemente no-global, che per vendicarsi decide di cercar lavoro come “cassiera” nel ristorante. Le citazioni e le trovate assurde non mancheranno, come non mancheranno le divertentissime e sanguinosissime scene porno-gore in cui la morte di tutti i personaggi necessariamente dovrà avere qualche assurdissimo risvolto splatter.

Apprezzabili anche le scene di nudo lesbico che non guastano mai

In questo film privo di senso le mediocri recitazioni e la regia tra l’amatoriale e il visionario risultano incredibilmente azzeccate: qualità a cui la Troma ci ha abituati da tempo.

Il film ovviamente non può essere assolutamente consigliato ai palati fini ma nemmeno agli amanti degli splatter di Peter Jackson perché qui è ostentato non solo il sangue ma anche la geniale ironia del nonsense.

Imperdibile per gli amanti del trash ma assolutamente improponibile a chi non sa apprezzare. Mitico!

BONUS MAVERGOGNATI EDITION:
Se proprio volete sapere chi insultare per queste recensioni, ecco che ci metto pure la faccia:

This entry was posted in cinema, cinema, film 2006, lancil9, trash, troma, zombie, zombie week. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.