Una cena quasi perfetta

L’anno è ormai finito e il Natale è passato, ma quel clima di vacanza che richiede una coperta, una tisana calda e un lettore dvd mentre le luci di natale si impregnano di neve non è ancora finito, e per questo Recensopoli ha deciso di proporre qualcosa di valido per passare una bella serata davanti alla tivvù. Il film scelto non incarna il tipico spirito natalizio che Eddie Murphy e Ray dei Ghostbusters ogni anno ci mostrano, ma ha comunque un’atmosfera tutta particolare, appropriata per queste giornate fredde. Preparate l’arsenico per la tisana dei vostri compagni/e prima che loro lo preparino per voi!“Metti che con una macchina del tempo finisci nel 1909, in Austria, e ti imbatti nel giovane Hitler, che non è ancora il mostro nazista ben noto a te, uomo del futuro: cosa fai? Lo lasci perdere oppure lo ammazzi, risparmiando all’umanità la guerra e l’Olocausto?”

È principalmente con questa domanda che nasce il concept di questo film.

Cinque ragazzi si ritrovano ogni settimana a cena insieme e, come usanza, invitano qualche sconosciuto per discutere, confrontarsi e scoprire altri lati del mondo. Tutto sembra andare per il meglio finché un giorno, per caso, invitano un camionista omicida, le cui idee razziste e militocratiche si scontrano pesantemente contro il pensiero razionale dei ragazzi. Così, dopo qualche battibecco, arriva il primo omicidio. Rendendosi conto di aver ucciso una persona cattiva, i giovani, tra cui spicca una brava Cameron Diaz, cominciano a domandarsi se in questo modo hanno eliminato un possibile Hitler dalla Terra.

Con la convinzione di fare del bene per l’umanità, gli inviti a cena diventano sempre più frequenti. Inizialmente i ragazzi si assicurano di uccidere solo le persone dalle idee pericolose, ma col tempo finiscono in un terribile vortice di violenza e pazzia.

“Ehi, esiste un solo grande film di Natale!”

Decisamente esaltante e intelligente il finale.

La semisconosciuta regista Stacy Title con questa pellicola ha sicuramente confezionato il proprio capolavoro, lungi però dall’essere un film perfetto e imperdibile. Nonostante un cast appropriato, dei dialoghi molto belli e delle scene veramente esaltanti, il film si ripete continuamente, mostrando per almeno un’ora i protagonisti a tavola pronti ad avvelenare qualcuno, spesso in modo tutt’altro che giustificabile.

Lo stile di narrazione e le atmosfere in cui si viene catapultati ricordano molto i teenage thriller come Cose molto cattive, senza mai però cadere nell’horror o nello splatter.

Un film indubbiamente interessante, nato da una idea originale sviluppata con appropriato criterio. Se non ci fosse stata l’improvvisa e poco credibile trasformazione in mostri dei protagonisti, sicuramente ora parlerei di un film da mostrare nelle scuole.

Un piacevole mancato capolavoro.

This entry was posted in cameron diaz, cinema, cinema, cinema, film 1995, lancil9, natale, una cena quasi perfetta. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.