The last Alchemist

tla-locandina3Può San Marino, una terra così piccola, con così pochi abitanti, offrire qualcosa di buono? Documentari come Scuderia Filibusta e Tutta la storia del treno bianco azzurro hanno lanciato un importante segnale. Ma a livello cinematografico?
Vita eterna, pietra filosofale, San Marino e… Franco Nero possono formare “la perfetta alchimia”?

Ebbene sì!
Il dvd si presenta da subito bene, con una copertina intrigante che mette in mostra la partecipazione e la vittoria a concorsi cinematografici più o meno importanti (non dimentichiamo inoltre che è stato proiettato ed applaudito al festival di Cannes 2013).

Il menù interno è chiaro ed essenziale, e oltre al film presenta due precedenti cortometraggi (qualitativamente inferiori ma comunque apprezzabili) e un interessante dietro le quinte.

Accennare la trama senza fare spoiler è difficile, ma parole chiave come misticismo, alchimia, sacrifici umani, musica classica e Franco Nero dovrebbero essere sufficienti per invogliare chiunque.

La presenza dello storico attore italiano indubbiamente eleva la qualità di tutto il progetto e ogni inquadratura sul suo personaggio appare studiata alla perfezione per evidenziarne e accentuarne il carisma. Questo non significa che il resto della produzione sia inferiore, anzi, tutti gli attori si comportano molto bene e in maniera credibile.

Carisma e fascino dosati al punto giusto!

“Questa volta non è la D ad essere muta!”

Lo stile rievoca (o meglio omaggia) lo slasher anni ’80, ma la sceneggiatura di Michele Massari prende presto un binario differente, portando all’inaspettata risoluzione della storia.

In conclusione The last alchemist è un lavoro assolutamente meritevole, carico di passione e amore per il cinema.

Da vedere!

This entry was posted in cinema, cinema e tv, recensione film and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.